Guida alla manutenzione di una caldaia

Con l’arrivo dell’inverno, quindi del freddo, bisogna fare in modo che le nostre case non vengano invase anche all’interno dal freddo. Infatti nelle stagioni invernali accendiamo i riscaldamenti, alimentati dalla caldaia, per mantenere caldo l’ambiente di casa. Bisogna però fare attenzione a molte cose nella gestione di una caldaia, tra queste anche al nostro portafoglio, in quanto se vogliamo spendere meno di bolletta, dovremo far si che la nostra caldaia funzioni in modo efficace.

Infatti, in caso di malfunzionamento di una caldaia, non solo si mette in pericolo la nostra vita, ma anche quella di tutto il nostro nucleo familiare e dell’intero palazzo. Quindi se credete che la vostra caldaia abbia dei problemi, non esitate a contattare una ditta che si occupa della manutenzione caldaie Roma prima che sia troppo tardi e non ci sia più tempo per agire.

 

Come mantenere la propria caldaia

 

La prima cosa che vi consigliamo di fare, è quella di verificare se la vostra caldaia si accende, se funziona e se si spegne durante la stagione estiva, in quanto è il periodo in cui viene usata in modo meno frequente rispetto alla stagione invernale. E’ di fondamentale importanza controllare che non ci siano dispersioni di gas (in caso si tratti di una caldaia alimentata a gas) causate dal malfunzionamento della caldaia. Importanti sono anche i dispositivi di comando della caldaia; bisognerà controllare il funzionamento anche di quelli.

Dovremo inoltre assicurarci che il materiale di cui è composto la caldaia sia integro e che non sia presente alcun tipo di crepe o danneggiamenti causati da urti o danni vari, in quanto sono una possibile fonte di dispersione di energia.

 

Cosa dice la legge a riguardo

 

Nel corso degli anni, per tutelare la sicurezza di chi ha una caldaia in casa ed evitare che circolino caldaie non a norma, sono stati emanati dei decreti legge. Ad esempio un decreto legge indica i tempi obbligatori per effettuare il controllo della caldaia. Infatti per le caldaie normali con impianto combustibile solido o liquido, deve essere effettuato il controllo ogni due anni; in precedenza invece doveva essere effettuato dopo un anno; le caldaie a gas invece dovranno essere controllate ogni quattro anni, invece dei precedenti due anni.

Queste operazioni di controllo, secondo un altro decreto, devono essere effettuate da ditte specializzate ed abilitate al decreto del Ministro dello sviluppo economico 22 Gennaio 2008 n. 37.