Terapia di coppia a Milano: come affrontare la crisi prematrimoniale

Terapia di coppia a Milano: come affrontare la crisi prematrimoniale

Il matrimonio, si sa, non è tutto rosa e fiori: il rovescio della medaglia c’è sempre ma non è facilmente accettabile o gestibile. Nel momento in cui si riceve una proposta di fidanzamento o si compie il grande passo,  si è sempre molto innamorati e si tende a pensare che debba essere sempre così. Tuttavia le bufere e i momenti neri fanno parte della vita di coppia che deve sempre essere considerata un’evoluzione. La terapia di coppia – e Milano è uno dei centri più grandi in cui si pratica a causa della vita frenetica che si conduce – può essere una soluzione che in molti hanno praticato, riscontrando grandissimo giovamento.

 

I centri specializzati e gli studi polifunzionali sono moltissimi ma attenzione: avvalersi della professionalità di esperti del settore è di prioritaria importanza. In caso contrario il problema o le tensioni di coppia al posto di acquietarsi, peggioreranno, sancendo in questo modo anche la fine del rapporto. Ma per evitare la crisi postmatrimoniale, cosa è necessario fare?

 

Per evitare crisi non ci sono ricette segrete o pozioni magiche: esse si verificano anche a causa di eventi o fattori che una coppia, per quanto unita e in completa sinergia, non può controllare. Tuttavia vi sono delle accortezze che possiamo avere nei confronti del partner per tenere vivo non solo il desiderio, ma soprattutto l’amore e l’interesse nei nostri confronti.

 

Per prima cosa, è importante non cessare di essere romantici. Non è vero che il matrimonio è la fine del romanticismo ma solo l’inizio di un nuovo percorso con nuovi ostacoli e denso di nuove conquiste. Nel momento in cui si sceglie di fare il grande passo, si è certi di volere accanto per sempre una sola persona e questo andrebbe tenuto a mente tutti i giorni. Il cambiamento non va temuto ma assecondato e tollerato: l’importante è compiere un percorso insieme al partner e non individualmente. Trascurare la persona amata, in favore di una crescita personale, non è sano per la coppia: bene è che ognuno intraprenda un proprio percorso, ma meglio è continuare a coinvolgere in questo romanticamente la persona amata.

 

In secondo luogo è bene non trascurare se stessi, le proprie necessità e i propri bisogni in favore dell’altro: ritagliarsi uno spazio individuale e del tempo per se stessi è fondamentale. Benissimo andare dal parrucchiere, dall’estetista, praticare sport, incontrare gli amici, andare allo stadio da soli. Il partner deve comprendere che ritagliarsi del tempo per sè non significa escludere l’altro ma continuare ad amarlo. Persino statistiche recenti dimostrano che coloro che si concedono del tempo individuale, riescono ad amare meglio e con più passione il compagno di vita.

Infine, ma non per importanza, è bene ascoltare ed esprimersi: chiudersi nei propri silenzi e non comunicare è spesso distruttivo per la coppia. Al contrario esternare le proprie emozioni ed, eventualmente, i propri disagi può solo apportare benefici poiché l’altro può rendersi conto di eventuali distonie all’interno del rapporto o di errori commessi.