Video di successo: cosa fare, cosa non fare

Anche voi volete realizzare un video per la vostra azienda ma non avete il budget per un’agenzia di produzione video a Lugano o a Roma? Potete svilupparlo voi in totale autonomia! Ecco qualche consiglio su come realizzare un video virale, cosa fare, cosa non fare.

Selezione degli obiettivi

Cosa fare: prima di realizzare un video, chiedersi quale ragioni vi spingano a volerlo fare. Orientare ogni scelta successiva al conseguimento dell’obiettivo scelto individuando i canali più appropriati, il linguaggio da utilizzare, lo stile, il format.

Cosa non fare: agire senza una pianificazione mirata, risolvere una questione alla volta senza un piano strategico, non pensare al pubblico di riferimento.

Scelta del contenuto

Cosa fare: scegliere tematiche che siano di reale interesse per il vostro target e rappresentative del vostro business. Fornite un contenuto utile, che sappia emozionare, incuriosire o informare, purché lasci qualcosa di buono.

Cosa non fare: realizzare un corto che si limita a raccontare l’azienda, la sua storia e i suoi servizi, in modo asettico e impersonale. il pubblico deve essere sedotto, non guarderà il vostro video solo per premiare lo sforzo fatto per realizzarlo. I contenuti che vertono sull’auto-esaltazione di virtù e meriti non attecchiscono e non coinvolgono, non creano affezione, insomma, falliscono.

Diffusione

Cosa fare: individuare tutti i canali più performanti; sfruttare i social network non solo per la condivisione ma anche per coinvolgere gli utenti, rispondendo ai commenti, alimentando le discussioni e ringraziando per la partecipazione. Scrivere un titolo a effetto e selezionare con cura l’immagine di anteprima. Richiedere la partecipazione o la condivisione di influencer del settore.

Cosa non fare: spammare in modo invasivo o, viceversa, limitarsi a caricare il video sul sito aziendale senza preoccuparsi di dargli massima diffusione in tutti i modi possibili. Non pensare agli utenti, non rispondere ai commenti o, peggio ancora, rispondere in maniera aggressiva alle critiche. Fare guerra al vostro stesso pubblico non è certo una scelta saggia.

In generale

Un video aziendale è percepito in modo differente da chi lo produce e da chi lo visualizza; nel caso dei video aziendali, spesso la società che lo realizza punta a trasmettere un’idea di forza e di mentalità vincente. L’utente, però, guarda i video soprattutto per intenti ludici, vuole essere intrattenuto e divertito, non ha alcuna intenzione di sorbirsi contenuti scarni e vuoti. Il segreto è: capire il pubblico, adottare il suo punto dio vista e cercare di offrire ciò che esso desidera.