Tutto sul riciclaggio del vetro

Tutto sul riciclaggio del vetro

Il problema dell’eccessiva produzione di rifiuti da parte dell’uomo e del suo conseguente smaltimento è una piaga che colpisce molti paesi del mondo, che stanno attuando delle politiche e dei progetti mirati per cercare di attenuarlo e risolverlo. Le numerose aziende che si occupano dello smaltimento rifiuti sono tenute a svolgere tutti i passaggi necessari attenendosi a rigidi regolamenti, che prevedono anche la compilazione del registro carico scarico rifiuti. La raccolta differenziata è una potente arma ormai utilizzata in tutto il pianeta per cercare di contrastare il problema e soprattutto riuscire a riciclare quei materiali che trattati in modo adatto possono essere utilizzati per dare vita a nuovi oggetti.

Il vetro

Il vetro è uno di quei materiali considerato pulito, vale a dire che non contiene sostanze inquinanti, proprio per questo motivo si adatta ad essere riciclato diverse volte. La composizione del vetro non è altro che soda, calcare e sabbia che vengono fusi insieme. I rifiuti di vetro che possono essere riciclati e quindi devono essere gettati all’interno degli appositi contenitori sono: le bottiglie, i vasetti e frammenti di vetro scheggiati o rotti. E’ importante sapere che gli oggetti realizzati in porcellana, ceramica, gli specchi, i cristalli, le lampadine non sono realizzati con vetro riciclabile, quindi non devono essere gettati e utilizzati durante la raccolta differenziata. Il suo riciclo è in grado di diminuire notevolmente la quantità di rifiuti da smaltire all’interno delle discariche e un risparmio sulle spese legate ai costi di trasporto dei rifiuti. La rifusione del rottame è in grado di ridurre notevolmente l’uso di materie prime necessarie per la produzione di nuovi articoli e di conseguenza diminuiscono anche i danni verso l’ambiente. Inoltre questo processo necessita di una quantità minore di energia rispetto a quella necessaria per trattare le materie prime. Il vetro che si trova all’interno degli appositi contenitori è portato all’interno di specializzati centri di raccolta e lavorazione, dove viene sottoposto a delle specifiche operazioni, che sono illustrate di seguito.

  • Eliminazione di eventuali materiali estranei di grandi dimensioni, che viene svolta manualmente.

  • Una seconda cernita per eliminare la piccola presenza di frammenti di pietre, plastica, ceramica, porcellana ecc.

  • Divisione di tipo glanulometrica del materiale.

  • Rimozione di eventuali corpi magnetici presenti grazie all’uso di elettrocalamite.

  • Aspirazione dei corpi leggeri come alluminio, legno ecc.

  • Cernita di tutti quei materiali non adatti al riciclo.

Il rottame del vetro è un ottimo rimedio per diminuire l’inquinamento dell’aria dovuto ai fumi della combustione. La quantità di vetro che non può subire il processo di riciclo attraverso la fusione può essere utilizzato ad esempio nella realizzazione di fibre di vetro per l’isolamento termico, additivo per produrre asfalti ecc.