La prima di Spalletti finisce in pareggio

Luciano Spalletti è tornato sulla panchina della Roma, dopo l’esonero di mister Garcìa. Il francese, infatti, è stato sollevato dal suo incarico dopo le brutte prestazioni giallorosse degli ultimi mesi.

I tifosi romanisti erano fiduciosi nel ritorno di Spalletti, che aveva già allenato la squadra alcuni anni fa. Ma la (seconda) prima partita del mister italiano non è andata come ci si aspettava: un pareggio contro il Verona.

 

Non si fanno miracoli

 

In fondo, pensare che qualcuno potesse risolvere problemi di così vecchia data in pochi giorni era chiedere troppo. Di Messia ce n’è uno solo.

Nainggolan illude la tifoseria giallorossa con un gol al 41’. La Roma sembra aver cambiato mentalità, complice anche il nuovo schema di Mister Spalletti: 4-1-4-1. Il tutto viene però rovinato da un rigore di Pazzini al 61’, che riporta i veronesi in parità.

La Roma continua a soffrire, ci sono un paio di occasioni che però non vengono sfruttate. Il triplo fischio arriva sul pareggio.

La reazione della tifoseria è duplice: da una parte chi rimane ottimista, credendo fermamente in Luciano Spalletti, difendendo comunque il suo lavoro. Come dicevamo, pochi giorni non possono cancellare mesi di crisi. Dall’altra chi, avendo difeso Garcìa in passato, usa il pareggio come prova della propria teoria: non era l’allenatore il problema, ma una mentalità di gioco troppo piatta, poco fantasiosa ed aggressiva.

Nelle ultime settimane è infatti mancata quella cattiveria di gioco degna dei più grandi club europei. Cattiveria e personalità avevano portato in passato la Roma ad ottenere risultati importanti; i tempi d’oro del team giallorosso sembrano però troppo lontani.

Serve una scossa, e anche grossa, per riportare una mentalità vincente. I giocatori sono ancora frenati dalla paura e l’insicurezza. Sarebbe scorretto dare tutta la colpa della crisi a Rudi Garcìa, che comunque ha fatto anche del bene, ma è indubbio che il rapporto allenatore-giocatori influisca moltissimo sulla prestazione della squadra.

A Spalletti quindi il compito di risollevare i giallorossi; aspettiamo il prossimo ritiro pre-gare importanti in uno degli alberghi a Roma per vedere i risultati.