Acido ialuronico: dichiarare guerra alle rughe

Siete stati invitati al matrimonio, ad una commemorazione in una splendida e lussuosa villa per feste Roma e volete assolutamente rimuovere alcune rughe dal viso? Avete mai pensato di fare un trattamento all’acido ialuronico? In questa breve guida scopriremo cos’è e in che modo viene utilizzato!

 

L’acido ialuronico è una sostanza contenuta nei tessuti connettivi umani, prodotta naturalmente dall’organismo, che ha la funzione di rendere la pelle idratata, elastica, morbida, resistente e protetta. La sua mancanza o ridotta presenza, che diminuisce con l’età; insieme ai radicali liberi provoca inestetismi e rughe.

 

Cos’è l’acido ialuronico

 

L‘acido ialuronico è un glicosaminoglicano, costituito dall’acido glicuronico e dalla N-acetilglucosamina, ed è una sostanza fondamenta del derma stessa, che viene spesso utilizzata per effettuare in particolare per combattere le rughe. Le terapie a base di collagene e acido ialuronico sono utilizzate anche nei filler, dei particolari trattamenti estetici che sono utilizzati per rendere meno evidenti i segni della vecchiaia.

 

L’acido ialuronico e il collagene sono iniettati, grazie a un ago particolare dalle piccole dimensioni, direttamente all’interno della pella che presenta le rughe da trattare. Il trattamento non è permanente e prevede la ripetizione della terapia ogni 2 mesi a seconda dei soggetti e del loro tipo di pelle. Inoltre i risultati variano da persona a persona, in base al tipo di pelle e alla gravità del difetto da trattare.

 

Questa sostanza è contenuta in diversi prodotti cosmetici, come creme contro le rughe, anche se il loro effetto è chiaramente inferiore a quello che si ottiene sottoponendosi a iniezioni sottocutanee. Inoltre da recenti studi è emerso che l’acido ialuronico svolge un ruolo importante anche nei processi di crescita di capelli e peli.

 

Le iniezioni sottocutanee

 

Le iniezioni sottocutanee di solo acido ialuronico sono invece più costose; i prezzi a seduta variano infatti dai 200 ai 600 euro. Le infiltrazioni di questa sostanza possono anche ridurre il dolore procurato dall’artrosi, lavorando sulla cartilagine di natura degenerativa. La sua azione, come nelle terapie di tipo estetico, non è permanente; bisogna infatti ripetere la cura ogni 6 mesi. L’utilizzo di questa sostanza per le infiltrazioni contro l’artrosi è iniziato nel 1970 e si basa sulla sua somministrazione intra-articolare.

 

E’particolarmente indicato per la cura dell’artrosi del ginocchio, chiamata anche gonartrosi e di quella che colpisce l’anca. L’acido ialuronico è infine applicato anche: contro l’acne,  nei processi di rigenerazione e cicatrizzazione dei tessuti; in chirurgia oculare, otologica e oftalmica.